Latour-Marliac - Natural Garden Adgarden Srl

Vai ai contenuti

Latour-Marliac

Collezione PRIVATA > Ibridatori
Tratto dalla storia di Latour-Marliac dell'omonimo sito, si è cercato di mantenere la traduzione più fedele possibile

Monsieur Joseph Bory Latour-Marliac
Il suo vivaio e Claude Monet


Latour-Marliac nasce 1830 a Granges-sur-Lot, a pochi minuti da Le Temple-sur-Lot, dove avrebbe costruito il suo vivaio. Suo padre era un agricoltore e un naturalista, e la famiglia possedeva una vasta tenuta. Abbandonati gli studi in legge a Parigi, fa ritorno alla tenuta di famiglia e si dedicaallo sviluppo della più grande collezione di bambù in Europa. Due varietà da lui introdotte portano ancora il suo nome: Phyllostachys bambusoides 'Marliacea' e Phyllostachys nigra 'Boryana'.
Quando Latour-Marliac morì, nel 1911, i suoi discendenti mantennero il vivaio a Le Temple-sur-Lot. Sua figlia, Angéle, sposò Maurice Laydeker, e i due continuarono a gestire il vivaio fino a dopo la seconda guerra mondiale, quando subentrarono i loro figli. Dagli anni '50 al 1991, la famiglia Laydeker ha gestito l'attività da Bordeaux e una famiglia locale, i Maurel, ha gestito le operazioni quotidiane. Nel 1991, i Laydeker vendettero il vivaio agli Stapeley Water Gardens della Gran Bretagna, fondata da Ray Davies. Il signor Davies e sua moglie, Barbara, intrapresero personalmente un enorme sforzo di restauro, aggiungendo molte nuove funzionalità alla proprietà. Durante il mandato di Davies, un certo numero di manager energici hanno contribuito al sito, tra cui Chris Farmer, Karine Belotti, Charles Overton e Sylvie Benedetti.
Nel 2007 Robert Sheldon ha acquisito il vivaio. Sheldon, di origine americana, possedeva una lunga esperienza personale e professionale con le ninfee e il giardinaggio acquatico. Era anche un appassionato imprenditore e studioso di imprenditorialità, con un MBA presso la FW Olin School of Business del Babson College e un dottorato di ricerca in Scienze dell'Organizzazione presso Sciences Po Paris. Sheldon trascorreva l'inverno a Parigi dove è professore, e l'estate a Le Temple-sur-Lot tra le ninfee.
Il successo di Latour-Marliac dal 2007, e il suo brillante futuro, sono il risultato degli sforzi compiuti dal suo team di gestione entusiasta e dedicato: Fatiha El Basri, Direttore Generale; Benoit Dubois e Lukas de Reze, direttori di produzione, Thierry Valuet, Gardener, e Emma Howard e Alex Laurens, chef del caffè Marliacea.

Il vivaio è stato fondato nel 1875 da Joseph Bory Latour-Marliac per la propagazione, coltivazione e commercializzazione di ninfee rustiche. Prima di allestire il suo vivaio, Latour-Marliac aveva trovato un modo per ibridare ninfee resistenti attraverso un processo che rimane misterioso. Ce n'era bisogno, perché all'epoca l'unica ninfea resistente in Europa era una bianca. Incrociando questa varietà bianca con altre varietà selvatiche ottenute dal Nord America e altrove, Latour-Marliac è stato infine in grado di costruire una collezione di ninfee la cui tavolozza variava dal giallo delicato al fuscia e al rosso intenso.
Nel 1889 Latour-Marliac sentì che la sua collezione era abbastanza significativa da poter essere esposta all'Esposizione Universale di Parigi di quell'anno, e così le sue nuove piante furono svelate insieme alla Torre Eiffel. Installati nei giardini acquatici di fronte al Trocadéro, gli ibridi hanno fatto scalpore e hanno vinto il primo premio nella loro categoria. Ancora più importante, tuttavia, hanno attirato l'attenzione del pittore, Claude Monet. Monet vedeva le piante come una meraviglia e in seguito ne sarebbe rimasto affascinato. Subito dopo questa esperienza al Trocdéro, Monet acquistò la proprietà a Giverny, che aveva affittato, e iniziò a costruire il suo jardin d'eau, o giardino acquatico.
Una volta completato lo stagno di Giverny, Monet ordinò una quantità di ninfee a Latour-Marliac, ordini ancora presenti nei loro archivi. Furono queste ninfee a diventare il soggetto dei famosi dipinti, Les Nymphéas, ora in mostra al Museo dell'Orangerie di Parigi. Sorprendentemente, poca o nessuna menzione del ruolo di Latour-Marliac nella creazione di quei dipinti è menzionata nelle opere storiche che riguardano i dipinti più famosi di Monet. Tuttavia, probabilmente Monet stava dipingendo più che bei fiori: stava catturando su tela una novità botanica, e i suoi dipinti sono tra i primi record di ninfee non bianche che crescevano in Europa.
Abbiamo un debito, quindi, con Joseph Bory Latour-Marliac non solo per le bellissime ninfee che possiamo ammirare nei nostri giardini, ma per l'ispirazione che ha dato al suo amico, Claude Monet. Alla fine, sono stati i due uomini insieme a rendere la nazione francese, senza dubbio, il luogo di nascita della ninfea.
Il successo di Latour-Marliac e il mercato del Regno Unito

La presenza di Latour-Marliac all'Esposizione Universale di Parigi nel 1889 fu fondamentale per il lancio del business delle ninfee.
Per tutto il 1880 Latour-Marliac vendeva ancora principalmente bambù, la sua precedente area di competenza.
Anche gli acquisti di Monet delle ninfee di Latour-Marliac e la loro successiva pittura furono importanti, ma non avrebbero aiutato a spingere l'attività fino a molto tempo dopo, quando Monet e le sue opere erano meglio conosciute.
Ciò che ha guidato la crescita iniziale dell'azienda e ne ha assicurato la sopravvivenza è stata la sua base di clienti fedeli ed entusiasti in Gran Bretagna. William Robinson, il fondatore della rivista The Garden, fu uno dei primi sostenitori di Latour-Marliac, stampando articoli sulle sue ultime introduzioni e generalmente educando il pubblico orticolo sulle ninfee rustiche e sulla nuova arte della loro ibridazione. Nel 1893 dedicò l'intero volume di quell'anno a Latour-Marliac.
Più tardi, nel 1900, quando Gertrude Jekyll ed Ernest Cook presero la direzione di The Garden, l'associazione con la rivista continuò. Latour-Marliac scriveva regolarmente a Jekyll, allora 57 anni, chiamandola semplicemente "Mademoiselle". Anche Jekyll era un cliente, e quindi contribuì a diffondere le ninfee di Latour-Marliac sia con la penna che con la pala.
La rete di giardinieri professionisti di Latour-Marliac lo ha anche aiutato a consolidare la sua posizione nel mercato del Regno Unito. James Hudson, capo giardiniere del Gunnersbury Park di Leopold de Rothschild, era un buon cliente e amico. Aveva l'onore, insieme a Robinson, di avere una ninfea che portava il suo nome.
Quando Latour-Marliac ebbe il suo primo grande successo con Nymphaea 'Marliacea Chromatella', forse oggi la ninfea più famosa al mondo, fu a Kew Gardens che la inviò per la prima volta nel 1887.
Un'altra preziosa sostenitrice fu la baronessa Orczy, amica e cliente, e aiutò a diffondere la voce su Latour-Marliac tra coloro che possedevano grandi tenute e giardini edoardiani. Lei, insieme a Robinson e Hudson, fu la terza londinese e l'ultima ad avere una ninfea omonima.
Il risultato di tutta questa attività e interesse nel Regno Unito fu che nel 1904, il 75% degli affari di Latour-Marliac proveniva dall'altra parte della Manica. Altri mercati, come il Giappone, e oggi la stessa Francia, hanno in diversi momenti negli ultimi 135 anni sostenuto l'azienda più di altri, ma è stata la Gran Bretagna a farlo in quel momento più cruciale, all'inizio

I necrologi della stampa britannica alla morte di Latour-Marliac nel 1911

Da The Garden, 6 maggio 1911:
B. LATOUR-MARLIAC
"È con sincero rammarico che registriamo la morte di MB Latour-Marliac nel suo ottantesimo anno. {...} la compianta morte di questo eminente orticoltore francese, avvenuta poche settimane fa, che fu uno dei più scrupolosi ibridatori dei tempi moderni. Il suo nome sarà sempre associato ai meravigliosi miglioramenti che ha ottenuto nell'ibridare le ninfee, e il suo lavoro in questa direzione è tanto apprezzato in questo paese quanto nella sua terra natale. Nell'estate del 18–, un articolo di Monsieur Latour-Marliac su "Hardy Hybrd Water Lilies" fu letto davanti alla Royal Horticultural Society, un lungo estratto del quale appare in THE GARDEN, vol. LV il 18 marzo 18–, insieme a una vista del suo interessante giardino. M. Marliac possedeva il dono prezioso della lungimiranza. I suoi successi non furono raggiunti in un giorno; infatti per molti anni lavorò con incessante zelo e senza apparente successo nell'ibridare Ninfee. Fu solo dopo un intervallo di dieci anni coltivò una Ninfea che mostrava segni di una decisa differenza del colore, e anche allora si dice che abbia avuto la sfortuna di perdere la prima e unica piantina. Tuttavia, la sua perseveranza fu finalmente premiata, finché ai giorni nostri molte varietà e ibridi da lui coltivati sono i primi tra le gemme delle piante acquatiche. Forse il suo trionfo più noto è da vedere nella varietà delle Ninfee che portano il suo nome, come ad esempio N. Marliacea flammea, N. Marliacea Rosea, N. Marliacea Chromatella, mentre forme così belle come N. Ignea, N. Atropurpurea, N. Lucida, N. Odorata Sulphurea Grandiflora, N. Robinsoniana e molti altri testimoniano una vita utile."

Da The Gardener's Magazine, 29 aprile 1911

Scritto da James Hudson, che era capo giardiniere per Leopold de Rothschild a Gunnersbury Park, nonché amico di lunga data e mecenate di Latour-Marliac
"Il defunto Monsieur B. Latour-Marliac
La morte di questo illustre ibridatore, il cui nome sarà sempre associato al genere Nymphaea, è avvenuta poche settimane fa, nella sua casa di Le Temple sur Lot, nella provincia di Lot-et-Garonne, nel sud della Francia. Fu nella coltivazione dei tanti bei ibridi della ninfea, che ora abbelliscono molti laghi e stagni, che il nome di M.Latour-Marliac è apparso in primo piano davanti al pubblico orticolo circa 15 anni fa. Il nostro compianto amico aveva lavorato con uno scopo ben preciso, e sebbene scoraggiato, tuttavia perseverò finché non vide la ricompensa dei suoi molti anni di lavoro paziente. Dopo aver lavorato per dieci anni ha visto alcuni segni di miglioramento nel colore, ma le sue speranze sono state deluse dalla perdita di questa piantina. Tuttavia, è andato avanti fino a quando non ha oscurato gli ibridi ormai noti che sono stati distribuiti per la prima volta da lui. Da allora, molti altri sono stati coltivati e messi in commercio dalle sue instancabili fatiche. In riconoscimento del suo lavoro con le ninfee, la medaglia commemorativa di Veitch gli fu assegnata nel 1898, ma già nel 1889 ricevette il "Premier Prix à l'Exosition Universelle de France". Ha lasciato dietro di sé molte belle forme che non hanno ancora trovato la loro strada nel commercio; queste piantine saranno a tempo debito immesse sul mercato. L'attività sarà ora condotta da suo figlio. La sua vedova gli sopravvive, Madame Bory Latour-Marliac è stata, ed è tuttora, un'appassionata del lavoro. Monsieur B. Latour-Marliac fu eletto sindaco di Temple-sur-Lot nel 1893. Morì alla veneranda età di 80 anni, ma il suo nome vivrà finché le belle ninfee da lui allevate saranno coltivate. M. Latour-Marliac.


Curiosità
Le ninfee dello stagno di Monet

Dagli archivi del vivaio si sa che Monet ha effettuato diversi ordini con Latour-Marliac. Fece il suo primo ordine nel 1894. Questo fu l'anno in cui il pittore terminò la costruzione del giardino d'acqua a Giverny. Dato che a quel tempo non ci sarebbero state piante nello stagno, vediamo che ordinava principalmente piante acquatiche.
È anche interessante vedere in questo ordine che ha acquistato tanti loti quante ninfee.
Se avesse avuto più fortuna con il loto, i suoi dipinti Les Nymphéas avrebbero potuto essere Les Nelumbium!

L'Ordine del 1894:
3 Polygonum Amphibium (Astuzia d'acqua)
3 Trapa Natans (Castagno d'acqua)
3 Trapa Verbenensis o Narbonensis (Corno di noce)
3 Arundinacea Picta (Syn. Phalaris Arundinacea Picta, Erba del nastro)
3 Caltha Polypetala (Syn. Caltha Palustris, Marsh Marigold)
3 Carex Folliculata (Northern Long Sedge)
3 Eriophorum Latifolium (Cotone di palude  a foglia larga)
3 Eriophorum Scheuchzeri (
Cerchia bianca)  3 Hydrocotyle Bonariensis (Pennywort a foglia larga)
3 Hydrocotyle Vulgaris ( Centella  palustre)
3 Hydropyrum Latifolium (Riso selvatico di Manchu, Zizania)
3 Lysimachia Vulgaris (Loosestrife giallo)
3 Myriophyllum Proserpinacoides (Sin. Myriophyllum Aquaticum, piuma di pappagallo)
3 Orontium Aquaticum (Club d'Oro)
3 Pontederia Montevidensis (Pickerel Rush)
3 Sagittaria Gracilis (Sin. Sagittaria Sagittifolia, Punta di freccia)
3 Saururus Cernuus (Coda di lucertola)
3 Saururus Loureiroi (Syn. Saururus Chinensis, Coda di lucertola cinese)
3 Scirpus maritimus Schoenoplectus maritimus, Palude salata )
3 Scirpus radicans (Sin. Schoenoplectus radicans)
3 sisyrinchium sulfureum
3 Typha Stenophylla (Sin  . Typha Laxmannii, Giunco ​​di Laxman)
2 Nymphaea Flava (Sin. Nymphaea 'Mexicana', specie della Florida)
2 (Latour-Marliac, 1892) Rosa
2 Nymphaea Sulfurea Grandiflora (Latour-Marliac, 1888) Giallo
1 Nelumbium Album (Lotus, specie)
1 Nelumbium Japonicum Roseum (Lotus, specie)
1 Nelumbium Luteum (Lotus, specie)
1 Nelumbium 'Osiris' (Lotus, Latour-Marliac, c. 1890)
1 Nelumbium Speciosum Roseum (Lotus, specie)

Latour-Marliac ha anche allegato alla fattura alcune istruzioni per piantare il loto, probabilmente in risposta diretta alle preoccupazioni di Monet sulla loro robustezza:
"I loti sono perfettamente in grado di crescere all'aperto nel dipartimento dell'Eure (zona della Normandia dove si trova Giverny), come indicato nel catalogo. I rizomi devono essere piantati orizzontalmente e accuratamente ricoperti di terra nello stagno dove devono essere piantati. Essi non deveono essere posti in più di 50 cm di acqua."

Alla fine, il loto di Monet non ha preso, ma non perché non fossero resistenti.

Più modesti furono gli ordini successivi di Monet, come indicano i due di seguito trascritti, del 1904 e del 1908.

Ordine del 1904:
1 Nymphaea 'Atropurpurea' (Latour-Marliac, 1901) Rosso intenso
1 Nymphaea 'Arethusa' (Dreer, 1902) Rosa-rosso
1 Nymphaea 'William Falconer' (Dreer, 1899) Rosso intenso
1 Nymphaea 'James Brydon' (Dreer, 1889) ) Rosa scuro

Ordine del 1908:
6 Nephrodium Thelypteris (Sin. Thelypteris palustris, Felce palustre)

Latour-Marliac e i Bamboo

Nella prefazione al suo lavoro sul bambù del 1896, The Bamboo Garden, AB Freeman scrive: "M. Latour-Marliac, di Temple-sur-Lot, Lot-et-Garonne, Francia, il più grande importatore europeo di queste piante, è sempre stato molto amabilmente pronto a fornirmi i risultati delle sue osservazioni. »
Pochi sanno che prima delle ninfee, Latour-Marliac era considerato un innovatore ed esperto nel campo del bambù, e il vivaio di Le Temple-sur-Lot era in gran parte dedicato alla propagazione e alla vendita di queste piante fino al suo successo con le ninfee era tale che, nel 1890, gli occupavano tutto il suo tempo.
Latour-Marliac aveva una corrispondenza regolare e prolifica con tutti gli appassionati di bambù dell'epoca, incluso Eugène Mazel, che stava costruendo il suo ormai famoso giardino di bambù ad Anduze.
Latour-Marliac è responsabile dell'introduzione di molte varietà di bambù in Europa, alcune delle quali ha nominato.
Di seguito sono riportati i più noti di questi.
Phyllostachys bambusoides 'Castilloni', Bambusa 'Alphonse Karri', Phyllostachys nigra 'Boryana' e Phyllostachys bambusoides 'Marliac'.
I nomi che Latour-Marliac ha scelto per questi non erano casuali.
Gli archivi sono pieni di lettere tra il conte di Castillon e Latour-Marliac. Quest'ultimo si assicurava che il primo avesse sempre le ultime varietà, e il Conte, un vero appassionato, apprezzava il dettaglio tecnico in cui Latour-Marliac entrava nelle sue missive. Anche Alphonse Karr, noto giornalista del quotidiano Le Figaro, era un cliente devoto e un appassionato giardiniere di bambù, tanto da essere onorato anche con la sua varietà omonima.
Oltre venti spettacolari varietà di bambù, comprese le varietà sopra menzionate, crescono ancora nei giardini botanici a Le Temple-sur-Lot. Alcuni di questi esistono in grandi stand che raggiungono oltre i 30 piedi di altezza.
'Marliac' e 'Boryana' prese il nome da se stesso, ma le altre due varietà prendono il nome da due uomini che erano buoni clienti, oltre che amici.
© All rights reserved - Tutti i diritti riservati
Natural Garden - Il Giardino delle Ninfee®
Tel. 338.2234490 - 333.8518042
Via Rainaldo SNC - 00119 Roma
Ad Garden srl - P.I. 12736881009
by TEAM MR
Torna ai contenuti